OSSERVATORIO SWG

I dati sono un potente strumento per orientarsi in un mondo che cambia sempre più rapidamente. Di fronte alle grandi trasformazioni siamo chiamati ogni giorno ad assumere scelte coraggiose e consapevoli. Conoscere le direzioni del mutamento è essenziale per superare la paura dell'ignoto e cogliere le opportunità del domani.

Produciamo dal 1997 un Osservatorio continuativo sull'opinione pubblica italiana.

È un sistema coordinato di analisi del Paese e degli italiani, basato su oltre 60 mila interviste all'anno e articolato in rilevazioni annuali e settimanali, che intercetta i cambiamenti, le pulsioni e le fratture dell'opinione pubblica.

Le sfide della globalizzazione, i bisogni dei consumatori, i desideri degli elettori, le speranze dei giovani, la sensibilità ambientalista e i nuovi valori: un patrimonio di informazioni unico per accuratezza e completezza.

Nel nostro archivio storico c'è tutto quello che serve per comprendere il presente e immaginare il futuro, anche grazie agli indici e indicatori percettivi e predittivi che sono stati messi a punto nel tempo. Una finestra aperta sull'Italia che verrà.

La rilevazione settimanale integra i grandi temi longitudinali con la dimensione dell'attualità e dei trend del momento: intenzioni di voto, cultura, turismo, finanza, lavoro, mobilità, sport e social network.

Quello che scopriamo lo condividiamo con tutti quelli che, come noi, sono curiosi di conoscere un fenomeno in profondità. I risultati sono pubblicati ogni settimana sul sito web di SWG e diffusi attraverso la Newsletter e i social network.

Radar, 20-26 settembre 2021

  • 1. Referendum

  • La maggioranza degli italiani considera il referendum uno strumento fondamentale, sono in pochissimi a volerlo abolire

  • Emergono forti perplessità sull’utilità e l’efficacia di alcuni referendum

  • Cambiare le regole del referendum: un terzo abolirebbe il quorum, 1 su 5 aumenterebbe la soglia delle firme da raccogliere

  • In caso di referendum, italiani tendenzialmente favorevoli a eutanasia e mantenimento del green pass

  • 2. Scuola

  • Effetti della pandemia: giovani più fragili agli occhi degli adulti. L’allarme è lanciato in particolare dagli insegnanti

  • DAD tra i diplomati: effetti negativi sulle relazioni e la concentrazione, ma migliora la gestione dell’ansia e delle scadenze

  • Ritorno in aula: per la maggioranza dei docenti era il momento giusto, ma per 1 su 3 la situazione non è così sicura

  • La paura del contagio tra i banchi di scuola: in forte calo rispetto all’anno scorso, ma la metà di famiglie e insegnanti lo teme ancora

  • 3. Rincari sulle materie prime

  • Grano, energia elettrica e gas le materie prime che dovrebbero avere un prezzo calmierato. Baby boomers e Millennials più divisi sul tema

  • Transizione ecologica: un'opportunità per la metà dei cittadini, soprattutto tra i più giovani. Un terzo la ritiene più che altro un costo

  • Difficile individuare il principale responsabile dei rincari in un mercato già di per sé poco trasparente

  • Prioritaria una revisione del sistema di bollettazione per un calcolo più equo e a favore dei consumatori finali che rischiano ulteriori rincari

  • Monitor consumo e risparmio delle famiglie