POLITICAPP | 15th December 2017
"We are working
for the time
to come"


DOWNLOAD THE APP

Elezioni: il popolo degli incerti

La vasta tribù di quanti non hanno ancora deciso chi votare

Il quadro politico è in profondo movimento e tra la gente l’incertezza regna sovrana.
I giochi, dentro gli schieramenti, sono ancora avvolti in una convulsa spirale marcata dalle trattative sulle liste dei candidati, dai bracci di ferro tra leader, dagli annunci di uscite di scena o di scese in campo, dalle prese di posizioni ondivaghe che, a vario titolo, le forze politiche assumono in questo periodo.
Ad alimentare l’entropico scenario pre-elettorale ci hanno pensato, in questi giorni, gli annunci di Giuliano Pisapia e Angelino Alfano. Il risultato complessivo di tutte le molteplici e convulse dinamiche è evidente: cresce la sfiducia, il disorientamento politico, la confusione e i dubbi degli elettori su quale forza politica votare. Se osserviamo i dati della prima settimana di dicembre scopriamo che, rispetto a novembre, il numero degli indecisi è aumentato del 5%.
Solo il 59,5% delle persone ha già definito, anche se non in modo granitico, il proprio orientamento elettorale.
Il restante 40,5% della popolazione si ritrova in un magmatico e intricato blocco elettorale: la tribù degli incerti.
Un agglomerato non omogeneo che è spaccato in due grandi gruppi: il clan degli indecisi (20,1% del corpo elettorale, pari a oltre 9 milioni e 341 mila elettori residenti in Italia) e il clan degli astenuti (20,4%).
Il clan degli indecisi è composto dagli elettori che, pur intenzionati a votare, si sentono confusi, delusi, arrabbiati, disincantati rispetto ai partiti e alla politica. Questo clan non è monolitico.
Al suo interno convivono due sottoinsiemi, altamente volatili: il primo, più grande, è lo sciame degli indecisi orientati (68%), mentre il secondo è lo sciame degli indecisi disorientati (32%).

Tra indecisi e astenuti quasi un elettore su quattro

I disorientati (circa tre milioni di persone) sono l’entità più evaporabile, quella che ha maggiori probabilità di scegliere all’ultimo momento o di finire nell’astensione.
Gli orientati, invece, hanno partiti o leader di riferimento, ma sono rimasti delusi o scottati dalle loro scelte politiche.
Questo sciame, che contiene oltre 6 milioni di persone, è altamente fluido ed è aperto a differenti offerte politiche.
Il 56% degli indecisi orientati, infatti, non ha particolari elementi di sintonia con qualche politico. Il restante 44% prova, invece, delle simpatie, che non si sono ancora trasformate in decisioni di voto.
In testa, in questa classifica, c’è Berlusconi (15%), seguito da Renzi (9%). Tallonano i due, Di Maio (8%) e Salvini (7%). Il rimanente 5% di indecisi orientati si frammenta tra Alfano, Pisapia, Bonino, Grasso, Meloni e altri.
Differente è il quadro nel clan degli astenuti (20,4%). Nel 2013 gli astenuti erano il 24,8% (cinque anni prima, nel 2008, erano il 19,5%), oggi, a diversi mesi dal voto, abbiamo il 20,4% di persone che ha già (tendenzialmente) deciso di disertare le urne. Di questi il 71% è recidivo (si era astenuto anche nel 2013). Il 14%, nel 2013, ha votato per Forza Italia, Lega Nord o altri di centrodestra.
Il 10% arriva da un voto al PD, mentre il 5% ha abbandonato i Cinquestelle. I motivi del non voto sono, per lo più, di matrice politica. Il 37% lo fa per protestare contro il sistema. Il 34% è convinto dell’inutilità del proprio voto, mentre il 32% non si sente rappresentato da alcun partito.
Ci sono anche motivazioni a minor intensità, come quello di non voler legittimare questa classe politica o di essere completamente disinteressati alla politica (16%).
In conclusione, la partita elettorale è completamente aperta e vincerà chi saprà riconquistare il maggior numero di persone della tribù degli incerti.

Spaccata in due tra indecisi e orientati al non voto

Berlusconi e Renzi i maggiori attrattori

I due terzi sono recidivi, il resto delusi dai vari partiti

Protesta, delusione e disaffezione i fattori che fanno stare a casa

DATA AND INFORMATION ON POLITICS AND PUBLIC OPINION

SWG suggests new forms of language and distribution of its services and supports the principles of information impartiality and symmetry providing the same data to parties and individuals at the same time. Thanks to PoliticAPP not only politicians can access a survey to learn about public opinion trend, but also citizens, who can consequently talk about it with families and friends.

Since 2003, from Monday to Thursday, it has been publishing an up-to-date note with data and information on public opinion and politics, and every Friday a weekly in-depth study presenting data on the Italian political, social and value trajectories as well as different scenarios and an analysis of the changes taking place.

Download the APP